Il posto delle favole: la ristrutturazione chiavi in mano di un complesso di trulli a Martina Franca

28 October 2019

Una casa che assomiglia più a un posto delle favole.

Una casa in cui gli spigoli sembrano smussati, in cui il tempo sembra sospeso, in cui le linee dure e geometriche lasciano il passo al calore e alla meravigliosa imperfezione della pietra.

È una casa, quella che vi stiamo per presentare, a cui teniamo particolarmente, perché qui ciascuna delle tre generazioni della famiglia/azienda Edil Serra ha lasciato traccia: una ristrutturazione iniziata più di vent’anni fa con nonno Francesco, poi portata avanti da papà Donato e conclusa recentemente dal più piccolo della famiglia, Francesco.

Siamo nella campagna di Martina Franca, a pochi chilometri da Alberobello: segno particolare di questa casa privata – che la rende unico e originale rispetto alle altre migliaia di trulli sparsi nella Valle d’Itria – è la presenza di una cummersa (struttura con tetto aguzzo ricoperta da chiancarelle) stretta tra due coni che crea un particolare gioco di forme e volumi.

Il nostro intervento chiavi in mano ha riguardato l’intera ristrutturazione della casa e la realizzazione, nella parte esterna, di una piscina skimmer.


Partiamo dagli interni: i 60 mq in cui si compone la casa – destinati a living con piccola cucina, due camere da letto e bagno – sono stati ristrutturati cercando di equilibrare estetica e funzionalità, realizzando un risultato splendido alla vista e pratico nell’utilizzo. Abbiamo così sistemato i pavimenti, realizzato il camino e l’impianto di riscaldamento, eliminato l’antico intonaco riportando la pietra a vista, estensione di quella natura tipica della campagna pugliese.


Infine, si è provveduto a realizzare un elemento completamente nuovo, una piscina a skimmer circondata da ulivi secolari, in una totale continuità tra interno ed esterno, in cui la pietra resta protagonista assoluta, per un modo di abitare che va al di là dei confini del tempo, uno spazio che connette l’uomo con i suoi più antichi antenati rupestri.


Tags:

Commenti

Commenta per primo questo articolo


Lascia un commento