Acquistare un trullo in Valle D'Itria? Un acquisto intelligente

20 December 2019

Ci sono luoghi nel mondo che catturano cuore e mente di chi ha la fortuna di visitarli: sono luoghi dell’anima, che donano emozioni inaspettate, intense e che ci riportano ad una dimensione fanciullesca della nostra vita. La Puglia e, in particolare la Valle d’Itria, è uno di questi luoghi.

Chi entra in contatto con questo lembo di terra incastrato tra TarantoBari e Brindisi, infatti, viene immediatamente catturato dalla sua magia, fatta di natura incontaminata, clima mite, ospitalità generosa, cucina sublime e architettura rurale che toglie il fiato.

Un’architettura ancestrale, che trova le sue origini in tempi antichissimi e attorno a cui aleggia la leggenda che narra che “si costruissero e disfacessero in una notte per evitare i dazi feudali”: sono i trulli, evocative abitazioni dai tetti a cono e dalle forme tondeggianti.

E proprio i trulli, dopo anni di oblio, stanno conoscendo un felice periodo di rivalutazione: sono sempre più numerose le persone, sia residenti in Valle d’Itria che provenienti da altre regioni d’Italia se non addirittura dall’estero, che decidono di investire nell’acquisto di un trullo che assicura, da un lato la possibilità di vivere in una costruzione unica al mondo, dall’altro di avere un contatto diretto con la natura.

Complice anche l’arrivo, nel decennio passato, di compagnie low cost come Ryanair a Bari e Brindisi, l’interesse degli stranieri – soprattutto inglesi e francesi – per i trulli è aumentato in maniera esponenziale: alcuni, infatti, li hanno scelti come seconda casa per passare le vacanze, altri come fonte di reddito trasformandoli in strutture ricettive. Altri ancora, restano impigliati nelle magiche trame della Puglia, decidendo di trasferirsi definitivamente qui. Scelte condivise anche da personalità famose, come Kean Etro, a capo dell’omonima maison di moda famosa in tutto il mondo, che ha scelto come rifugio per sé e per la sua famiglia proprio un gruppo di trulli posti nella campagna di Ceglie Messapica.

Quello che è certo è che oltre il fattore emotivo, l’acquisto di immobili tipici, come i trulli, i casolari o le masserie, rappresenta un investimento sicuro e ricercato, che trova nell’agro dei comuni di Martina Franca, Locorotondo, Cisternino, Alberobello, Fasano, Ostuni e Ceglie Messapica la sua migliore espressione. I prezzi variano in base alla posizione (Ostuni tra i più costosi, Ceglie Messapica tra i più convenienti), al numero dei coni (nella maggior parte dei casi ci si orienta su una tipologia di 4-5 coni – due camere da letto, zona living e angolo cottura) e allo stato di conservazione dei trulli.

Negli ultimi tempi, sempre più acquirenti, per ovviare a tutte le problematiche legate a una ristrutturazione, stanno optando per la soluzione chiavi in mano, che assicura una serie di vantaggi sia in termini economici che di tempo. Il nostro gruppo Edilserra, infatti, dopo più di 40 anni di esperienza nella costruzione e ristrutturazione di trulli, ha implementato anche il servizio del chiavi in mano, che ha il vantaggio di riunire in un unico referente diverse tipologie e fasi di lavoro che avrebbero invece bisogno di molteplici figure professionali, difficili da coordinare tutte insieme soprattutto per acquirenti provenienti da altre regioni o addirittura dall’estero. Il cliente, libero da tutti gli oneri e impegni di una ristrutturazione, ha così modo prima di visionare la ristrutturazione del proprio trullo su progetto – eseguito da architetti e progettisti di fiducia – e poi veder trasformato il progetto su carta in realtà grazie al lavoro manuale della nostra impresa, assicurandosi così la possibilità di veder realizzato il sogno di una vita.

Richiedi maggiori info contattando il +39 320-7267999 o scrivendo a serradonato@trullipugliesi.it.



Tags:

Commenti


Lascia un commento