Come arredare un trullo? I nostri consigli

02 July 2019

Se nei precedenti articoli vi abbiamo svelato i segreti per un perfetto restauro di un trullo, oggi vi diamo qualche “consiglio di stile” su come arredarlo.

Arredare un trullo può essere impresa ardua se si considerano due aspetti immediatamente evidenti:

  1. La necessità di rispettare il più possibile la natura e lo stato dei luoghi;
  2. L’architettura curvilinea dei trulli che, molto spesso, richiede arredi su misura.

La nostra esperienza ci dimostra che c’è un modo di pensare la storia rispettoso, salvo farla collidere con il presente e vedere cosa succede. Basta solo seguire alcuni semplici consigli.

  • Per i pavimenti, laddove è possibile, recuperate la pietra calcarea originaria; in alternativa optate per una pietra calcarea locale. In cucina o nei bagni possono essere installate anche delle cementine decorate, ma senza esagerare perché il trullo è e rimane un’architettura tradizionale semplice.
  • Per le mura, interne ed esterne, optate per un’intonacatura a calce, una tecnica che trova origine nel passato e che garantisce finiture traspiranti, durevoli, igieniche, che contribuiscono al comfort termico degli ambienti. Quello che era un materiale usato per disinfettare gli ambienti, oggi, infatti, perde la propria patina di povertà per elevarsi ad elemento di ricercatezza un po’ cool. D’altronde, il bianco aumentala luminosità (a volte le finestre nei trulli sono di piccole dimensioni) e aiutano a far percepire lo spazio più grande di quanto sia in realtà.
  • Per i lavandini di bagno e cucina potete scegliere delle soluzioni in pietra, ricavate lavorando un unico blocco di pietra da lasciare a spacco sulle superfici esterne. La stessa scelta vale anche per la doccia, da ricavare nella parete e da chiudere con un semplice vetro. Bello l’effetto della pietra abbinata a un impianto idrico realizzato con tubi zincati a vista e rubinetteria essenziale.
  • Nella scelta dei mobili prediligete uno stile semplice ed essenziale, che si adatti alla “rotondità” degli ambienti, come ad esempio letti da poggiare direttamente su strutture in muratura e comodini dello stesso materiale che occupino il minor spazio possibile mantenendo uno stile rustico e apparentemente grezzo. Per l’arredamento, quindi, spazio a ceramica, ferro, legno e a qualsiasi altro materiale di recupero: sempre più spesso vediamo antiche porte dei trulli recuperate e trasformate in bellissimi tavoli di design. Inoltre, i mercatini dell’usato locali, possono essere delle miniere preziose a cui attingere per trovare ispirazione e trovare antichi complementi d’arredo: antiche chiavi, recipienti in latta o creta, si trasformano in spettacolari idee che donano forza e personalità agli ambienti. Chi preferisce uno stile più moderno può osare contrapponendo alla pietra dei trulli oggetti di design dalle linee essenziali, per un gioco di contrasti del tutto inaspettato.
  • Per le porte un’idea interessante e originale potrebbe essere quella di puntare molto sul vetro in modo da illuminare l’ambiente sfruttando il colore bianco della calce. Un’alternativa più classica è quella di utilizzare il legno, magari scegliendo un colore chiaro, quasi bianco.
  • Un altro suggerimento per l’arredamento interno dei trulli riguarda proprio la scelta dei colori. Solitamente si prediligono colori neutri e tenui che si adeguano perfettamente a questo tipo di struttura: bianco, beige, ma anche colori più vivaci come il giallo o il rosso, soprattutto per ambienti come la cucina o lo spazio esterno, possono essere una scelta adeguata.

Infine, la scelta di vivere in un trullo è imprescindibile dal godere dei suoi spazi esterni. D’altronde, le temperature miti della Puglia e la lunga estate, permettono di fruire di giardini e dehors per molti mesi. Per questo il recupero degli ambienti esterni di un trullo è importante tanto quanto quello degli ambienti interni. Ma di questo vi parleremo nel prossimo articolo


Tags:

Commenti

Commenta per primo questo articolo


Lascia un commento