Come pianificare il restauro trulli

02 February 2018

È un procedimento lungo e complicato, ma il restauro trulli è la nostra passione, coltivata da decenni nella nostra famiglia.

Al fine di proteggerne la forma e l’aspetto originale, il rinnovo dei trulli pugliesi ha necessità di considerare le seguenti condizioni:

  • Valutazione dello stato dei trulli
  • Creazione del piano di restauro
  • Scelta dei materiali

Valutazione dello stato dei trulli

La maggior parte dei trulli presenti nella Valle D’Itria possono risalire al primo Novecento, di conseguenza un’accurata valutazione è fondamentale per iniziare ai lavori. Originariamente utilizzati come alloggi temporanei da supporto alle attività agricole, i trulli hanno di solito servizi elettrici e sanitari base (o non esistenti). In base allo scopo del restauro, la valutazione determina la base su cui dare inizio ai lavori sia per il trullaro che per i proprietari.

Creazione del piano di restauro

Quasi come un mosaico, il procedimento che viene seguito per riabilitare i trulli segue il sistema tradizionale chiamato ‘cuci e scuci’ fatto esclusivamente a mano. La maggior parte dei restauri su trulli in Puglia punta a rilanciare queste strutture al fine di renderle confortevoli se non addirittura lussuose. La pianificazione dei lavori di restauro si basa infatti sullo scopo di per sé che permette all’impresa di personalizzare ciascuno progetto, mettendo in risalto l’unicità di ogni trullo e la sua forma.

La durata dei progetti di restauro può variare in base all’entità dei lavori, le condizioni atmosferiche (il restauro teme la pioggia!) e la ricerca dei materiali. Questi sono i tre elementi chiave da considerare prima di pianificare un restauro.

Scelta dei materiali

Le autorità locali hanno sviluppato una serie di piani d’azione atti a preservare il valore storico dei trulli. Un progetto di restauro, attuato al fine di preservarne l’importanza, deve rispettare queste disposizioni anche nella scelta dei materiali che possono essere utilizzati. Come tutti quelli selezionati, ciascuna pietra, qui chiamata ‘chianca’ è di origine locale.

Il nostro team ha completato diversi progetti di riabilitazione trulli, riportando al loro antico splendore anche quelli più difficili e continua a operare nel settore dell’edilizia specializzata con passione e determinazione. Visitate il nostro sito per maggiori informazioni.



Commenti

Commenta per primo questo articolo


Lascia un commento