Natale è alle porte: perchè non festeggiarlo in un trullo?

13 December 2019

Il Natale porta sempre con sé un’atmosfera magica, fatta di intensi profumi di biscotti allo zenzero e luci che accendono il centro antico delle città o il buio delle campagne. Una magia che qui in Valle d’Itria esplode con tutte le sue connotazioni più rurali: i dolci sono quelli tradizionali, che ancora preparano le nostre nonne in casa, il bianco non è quello della neve ma della calce dei suoi trulli, i presepi non sono semplici statuette appoggiate su una mensola, ma prendono vita in grotte e piccole piazze di paese.

E se d’estate la Valle d’Itria è il momento migliore per scoprirne la bellezza profonda, il Natale non è da meno. Meglio ancora se in un trullo.

Qui il tempo sembra fermarsi. Lo si percepisce sin dal primo momento in cui si oltrepassa l’uscio. Il trullo, grazie alla sua struttura ancestrale, è il luogo perfetto per ritrovarsi, per vivere giorni tranquilli e farsi solo trasportare dall’incanto. E’ il luogo giusto per abbandonarsi al tepore di un camino in una zona giorno in cui tutto è stato recuperato nel pieno rispetto della tradizione. Per concedersi una lettura al centro di una cupola, intonacata di una terra morbida come un velluto. E svegliarsi al mattino, su un panorama di tetti a cono, per scoprire la purezza primigenia della natura e di quanto ci circonda, uno stato che difficilmente si può trovare all’interno del nostro frenetico e manipolato vivere quotidiano.

Il trullo diventa il punto di partenza per scoprire il resto di questa valle incantata, tra piccoli festival che animano i borghi antichiristoranti gourmet che convivono pacificamente con vecchie taverneantiche chiese e chiostri che giocano con il barocco e lo stile romanico. E poi c’è la magia del Natale, con i suo alberi che abbelliscono le piazze e i piccoli mercatini con prodotti artigianali che riempiono le viuzze antiche, da scoprire con gli occhi di un bambino.

No, non è una fiaba. E’ vivere una vacanza in un trullo in Valle d’Itria.

Un sogno che contribuiamo a costruire ogni giorno, in ogni ristrutturazione che curiamo.



Tags:

Commenti

Commenta per primo questo articolo


Lascia un commento